venerdì 27 dicembre 2013

Dal seme al fiore: il video in time-lapse

La nascita di decine di piante documentata in una serie di macrofotografie: un filmato che mostra il silenzioso lavoro della natura.

 
L'autore del video è il montenegrino Daniel Csobot (qui il suo canale Vimeo ). 
 

sabato 21 dicembre 2013

21 dicembre - solstizio invernale. Anche Google ce lo ricorda

Oggi il simpatico doodle di Google ci ricorda che col 21 dicembre inizia l'inverno astronomico.
Oggi infatti nell'emisfero Nord è il giorno del solstizio invernale, il giorno più corto dell’anno. Il sole tocca il punto più basso dell’orizzonte, questa sarà la giornata con le ombre più lunghe.
 
 
 
Quella tra il 21 e il 22 Dicenbre sarà anche la notte più lunga, la più buia dell'anno. Infatti a causa dell'inclinazione dell' asse terrestre, il sole nel suo movimento annuo lungo l'eclittica, viene a trovarsi alla sua minima inclinazione; a mezzogiorno si avrà l'ombra piu' lunga di tutto l'anno.

Da domani la durata del dì rispetto alla notte comincerà ad aumentare fino al 21 Giugno, giorno in cui la situazione comincerà ad invertirsi. Nell’emisfero Sud oggi inizia l'estate ed è il giorno del solstizio estivo, i raggi del sole cadono perpendicolarmente al tropico del Capricorno, che si trova a 23° 27’ di latitudine sud.
Non è vero che “Santa Lucia è la notte più lunga che ci sia”, è un detto popolare e la simpatica rima faceva da promemoria, quando non esistevano le agende elettroniche, e nemmeno quelle cartacee. In realtà fino a circa 500 anni fa la notte più lunga era proprio quella del 13 dicembre. Tutto era dovuto a un errore nella riforma del calendario fatta da Giulio Cesare nel 46 a.c. Nei secoli seguenti gli astronomi si accorsero di alcune discrepanze. Infatti il 21 marzo, giorno dell' equinozio di primavera, il dì risultava più lungo della notte, come se si fosse già in aprile. La riforma del calendario gregoriano, operata da Gregorio XIII, nel 1592, mise le cose a posto. Quindi è vero che la notte di Santa Lucia è stata la notte più lunga che ci sia, ma solo per un errore.

giovedì 19 dicembre 2013

Come riconoscere il titolo di una canzone con SHAZAM

Capita spesso di ascoltare una canzone alla radio ma di non conoscerne il titolo, lo stesso vale per un motivo che accompagna un video su YouTube. Vorremmo acquistare o scaricare la canzone, ma non conosciamo nè il titolo nè l'autore. Shazam è un'applicazione per Android e iPhone che riconosce la musica e i media che suonano intorno a noi. Basta lanciare l'applicazione, avvicinarla alla sorgente sonora, toccare il pulsante Shazam e aspettare qualche attimo.

Il motivo verrà riconosciuto quasi all'istante. Una volta individuata la canzone è possibile guardare il video relativo su YouTube o avere informazioni sulla discografia dell'autore.

Shazam è compatibile con sistemi Android e con iPhone, è gratuita e si scarica da Google Play o da iTune Apple.

sabato 7 dicembre 2013

mercoledì 4 dicembre 2013

Come nascondere immagini e video sui dispositivi Android con Vaulty

Può succedere che il vostro smartphone venga utilizzato a vostra insaputa dagli amici, ma che ci siano immagini o video che non vorreste che altre persone vedano. In questo caso potete usare l'app gratuita  Vaulty, che permette di nascondere foto e video anche nel caso in cui il dispositivo venga collegato al pc. L'uso di Vaulty è molto semplice. Scaricatelo da Google Play e installatelo. Appena lanciato, vi chiederà una password o un pin di accesso al programma. Scrivete la password e confermate con Ok.

A questo punto vi si aprirà la seguente finestra. Premete il tasto Hide Pictures & Videos. In questo modo verrete rimandati alla galleria delle immagini.

Selezionate la cartella e le immagini o le clip da nascondere e poi tappate sull'icona a forma di lucchetto. Da adesso la immagini selezionate non saranno più visibili nella loro cartella originaria, ma solo accedendo a Vaulty dopo aver inserito la password.

Il procedimento per rendere di nuovo visibili le immagini nascoste è simile: accedete a Vaulty, selezionate le immagini e tappate sul tasto a forma di lucchetto aperto. Le immagini saranno di nuovo disponibili nella loro posizione originaria.

Perchè il terremoto in Grecia

Il violento terremoto che ha colpito la Grecia la scorsa notte ( Magnitudo 6.7), arriva dopo una lunga sequenza di sismi che ha interessat...