venerdì 20 luglio 2007

Nuove minacce dal Web

Non bastavano i virus informatici, gli spyware, i trojan, i dialer e i rootkit.
L'ultima minaccia del web si chiama "keylogger". Se i primi si "limitavano" a danneggiarci in modo più o meno grave il computer, o dirottavano la connessione verso siti a pagamento (tramite i prefissi telefonici 899, 144, 166 e satellitari), i keylogger fanno di peggio, perchè il loro scopo è quello di rubare informazioni dal nostro pc, password di servizi, o peggio ancora i codici segreti delle carte di credito. Sono piccoli programmi che registrano ciò che noi abbiamo digitato da tastiera (da cui il nome keylogger). I dati carpiti possono essere inviati a un pirata informatico.
Come ci si può difendere? Se abbiamo beccato un keylogger e abbiamo precedentemente immesso i dati della carta di credito in qualche sito, avvisiamo subito la banca per bloccarla e farcela sostituire. Poi da un computer non infetto cambiamo le password dei servizi a cui abbiamo avuto accesso (per esempio per la posta elettronica). Il keylogger può essere rilevato da un comune antispyware e rimosso con apposita procedura manuale o con tool specifici.
La miglior difesa del nostro pc da virus e malware in genere consiste comunque nella prevenzione. Se usiamo Windows come sistema operativo, facciamo costantemente il backup dei nostri dati. Alcuni virus possono compromettere seriamente il sistema, fino a costringerci a formattare l'hard disk e a reinstallare tutto. E se non siamo corsi preventivamente ai ripari, sono guai. Ricordiamoci che un antivirus da solo (anche se aggiornato) non basta a fronteggiare le minacce della rete. Serve un antispyware che agisca in tempo reale, affiancato da qualche altro antimalware. In rete ci sono ottimi prodotti, anche gratuiti, coi quali possiamo aumentare sensibilmente le difese del nostro pc (ma la sicurezza in assoluto non esiste). Sarebbe indispensabile anche un firewall. Windows ne implementa uno di suo, ma l' efficacia dimostrata è molto dubbia, anche perchè regola (molto debolmente) il traffico in entrata, ma non quello in uscita. E ci sono programmi che hanno il brutto vizio di inviare dati alle loro "case madri". I più famosi "spioni" di casa Microsoft, dall'aspetto irreprensibile, sono Windows Media Player, il Windows Defender, e il WGA, che con la scusa di controllare se il tuo Windows è autentico, poi non è sicuro che faccia solo quello.
Se navighiamo con la banda larga, non dobbiamo temere i dialer, perchè l'Adsl usa un canale dedicato e la connessione non può essere "dirottata". Come programma di navigazione, è preferibile usare Firefox a Internet Explorer, perchè è più sicuro. Se non volete abbandonare il browser di casa Microsoft, fate almeno l'aggiornamento di IE alla versione 7. E' gratuito, ma attenzione, dovete avere il sistema operativo originale, altrimenti non lo potrete installare. Impostate il sistema sugli Aggiornamenti automatici, in quanto per la gran parte servono ad aumentarne la sicurezza: è notorio infatti che Windows è un sistema colabrodo.
Ricordo infine che in rete esistono molti forum in cui si può chiedere e ottenere assistenza tecnica gratuita e non solo. Nei forum si risolvono molti problemi e si possono ottenere risposte interessanti a molti nostri quesiti e dubbi.
Sappiamo tutti, se non abbiamo a portata di mano un amico smanettone, quanto costa "ricoverare" il nostro amato computer!.

Nessun commento:

WhatsApp verso pagamenti, spunta in rete funzione Payments

WhatsApp sempre più vicina ai pagamenti elettronici. In una nuova versione beta (quindi in fase sperimentale) dell'applicazione per A...