mercoledì 13 marzo 2013

VAJONT: un raggio laser lungo 15 Km per il 50° anniversario della tragedia

Un raggio laser di 15 chilometri che è partito dalla diga e ha illuminato la vallata in direzione di Longarone: è la performance che lo scorso 6 marzo, ad opera dell’artista Stefano Cagol e di Dolomiti Contemporanee, ha voluto ricordare il cinquantennale della tragedia del Vajont.
Alle 18.30 il primo raggio è stato proiettato sopra la diga del Vajont. Il “Nuovo spazio espositivo” di Casso sarà la base operativa della prima tappa, e luogo d'avvio del progetto. Il raggio è rimasto acceso per più di un'ora, fino alle 20 circa.
Il raggio è partito dalla diga e poi è sceso verso Longarone. I punti migliori per osservarlo sono stati il paese di Longarone e la diga del Vajont. Alla diga alcuni addetti forniscono indicazioni più precise, indicando i parcheggi e il luogo da cui si origina il fascio luminoso.
 
 
Il progetto artistico di Stefano Cagol non si è  fermato comunque ai luoghi del Vajont. L'indomani è stata  infatti la volta di Cortina d'Ampezzo. In questo secondo passaggio, il raggio è stato proiettato sulla parete sud della Tofana di Rozes. E' stato  ben visibile dal paese di Cortina d'Ampezzo, e dalla strada che da Cortina conduce al passo Falzarego.

Fonte: CorriereAlpi

Nessun commento:

Perchè il terremoto in Grecia

Il violento terremoto che ha colpito la Grecia la scorsa notte ( Magnitudo 6.7), arriva dopo una lunga sequenza di sismi che ha interessat...