lunedì 17 dicembre 2007

Lunga vita alla batteria del portatile

Chi ha un computer portatile si è accorto che dopo un certo periodo la batteria comincia a perdere autonomia fino a costringerci a "portare" in giro anche il cavo di alimentazione alla rete elettrica. In realtà le batterie non sono eterne, i produttori le garantiscono per un numero di cicli di ricarica che vanno da 500 a 1000, tuttavia con qualche accortezza si riesce ad "allungare" la loro vita.
Premesso che chi usa molto il portatile durante gli spostamenti farebbe meglio ad avere una batteria di riserva, la prima considerazione da fare è che la pratica di ricaricare solo in parte una batteria scarica o quasi scarica è dannosa. Un altro errore da evitare è quello di tenere il computer costantemente collegato alla corrente elettrica con la batteria inserita, perché ciò sottopone la batteria ad un eccessivo surriscaldamento. Se usiamo il portatile principalmente come computer da casa e lo teniamo sempre collegato alla corrente, si verificheranno continui cicli di caricamento parziale che ridurranno notevolmente la durata della batteria. In questo caso è meglio togliere la batteria e usare solo la corrente elettrica.
Sembra incredibile, ma il posto meno adatto per conservare la batteria è proprio il portatile. Il calore sviluppato nel computer e la continua ricarica velocizzano l'invecchiamento della batteria, per questo motivo è meglio evitare di tenere il portatile sotto carica per un periodo superiore al tempo necessario di ricarica. Per aumentare un po' l'automia della batteria possiamo usare qualche piccolo accorgimento.
Se non ci servono, togliamo CD o DVD dal lettore: infatti se abbiamo un disco inserito nell'unità ottica, il lettore è obbligato a inutili "ripartenze" ogni volta che salviamo un file o apriamo Esplora Risorse, comportando un inutile spreco di energia;
scolleghiamo, se non ne abbiamo necessità, le periferiche Pcmcia, webcam, le chiavette USB e i dischi rigidi esterni che scaldano e consumano più energia di quanto non si creda;
disattiviamo, se non usati, i moduli Wireless e Bluetooth;
in situazioni in cui si è a corto di energia è meglio disabilitare il salvataggio automatico di applicazioni come Word od Excel, in modo da evitare il continuo ricorso al disco rigido per i salvataggi periodici;
non usiamo il salvaschermo, specie se animato e 3D, ma spegniamo completamente il display. Queste opzioni si possono impostare da Pannello di controllo >> Opzioni Risparmio Energia;
riduciamo la luminosità di qualche "tacca";
Almeno una volta al mese la batteria andrebbe caricata e scaricata completamente ( si potrebbe anche attendere che il pc si spenga da solo, ma non è consigliabile). La cosa è dimostrata dal fatto che in alcuni portatili Macintosh c’è un sistema che verifica da quanto tempo non si scarica completamente la batteria: se è passato molto tempo la batteria viene lasciata scaricare prima di iniziare la ricarica, anche se si collega l’alimentatore.
Infine, per grafica e video è meglio usare un pc fisso, perchè i processi di video-editing e di rendering richiedono molta energia riducendo sensibilmente la durata della batteria.

Nessun commento:

WhatsApp verso pagamenti, spunta in rete funzione Payments

WhatsApp sempre più vicina ai pagamenti elettronici. In una nuova versione beta (quindi in fase sperimentale) dell'applicazione per A...