martedì 30 ottobre 2012

Un giorno da pirata informatico. Per rubare identità e carte di credito

Non serve essere un cracker, la versione nera degli hacker, né uno Zuckerberg o uno Steve Jobs in erba. Bastano buone conoscenze nella rete, un kit che si rimedia anche per qualche decina di euro e una mezzoretta di tempo libero. Una giornalista di Repubblica ha provato a "spiare" il computer di un amico. Ed ecco come è andata.

Secondo una ricerca di Microsoft, in Italia i computer zombie sarebbero 1.400.000, il 9 per mille. Impressiona il fatto che in rete si possa trovare facilmente tutto l'occorrente per diventare criminali informatici.
Clic sull'immagine per avviare il filmato.

Fonte: Repubblica

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...