sabato 1 dicembre 2012

L'evoluzione dei virus informatici in un video

E' proprio il caso di dirlo: non ci sono più i virus di una volta. La frase in sè può suscitare ilarità, in effetti 20 - 25 anni fa la maggior parte dei virus non portavano danni irreparabili al computer, tanto meno ai loro possessori. Erano poche righe di codice in Assembler e messe in rete da intraprendenti quindicenni il cui scopo era solo quello di far vedere quant'erano bravi. Salvo poi essere scoperti, perchè lasciavano tracce evidenti del loro operato. I floppy disk costituivano il veicolo principale dei virus informatici, e anche per questo non era difficile liberarsene. I malware di adesso sono altra cosa;  rootkit, troyan e keylogger sono creati per altri scopi. L'obiettivo dei virus writers è quello di rubare identità, password, carte di credito, entrare in possesso di computer remoti per compiere attività illecite. Dietro di loro ci sono potenti organizzazioni criminali che delinquono a livello globale.


L'autore del video è Mikko Hipponen, un esperto di sicurezza informatica. Con competenza ed efficacia ci mette in guardia sulla pericolosità dei malware attuali guardando con una punta di nostalgia a quelli di venti anni fa.

Nessun commento:

WhatsApp verso pagamenti, spunta in rete funzione Payments

WhatsApp sempre più vicina ai pagamenti elettronici. In una nuova versione beta (quindi in fase sperimentale) dell'applicazione per A...