martedì 12 febbraio 2008

Contatori

Alcuni giorni fa un visitatore mi riferì che il suo antivirus Avast! rilevava un trojan horse non appena accedeva sul mio blog. Risposi che era un falso positivo, considerando che nulla di tutto ciò veniva segnalato da altri antivirus e anche per il fatto che Avast! non è nuovo a falsi allarmi. Successivamente il fatto si manifestò con un' altra persona che come antivirus usava Trend Micro. In questi ultimi giorni anche l'antivirus Avg segnalava qualcosa di anomalo. A me personalmente, accedendo al blog, compariva un form con un invito a installare un aggiornamento Java (che naturalmente mi guardai bene dal fare), ad altri Avg segnalava un trojan horse, ad altri ancora comparivano strane finestre con un invito a eseguire qualcosa. L'accesso al blog con Firefox è stato sempre sicuro, perché i no script attivati hanno sempre bloccato l’esecuzione di Java Script potenzialmente pericolosi. Anche Internet Explorer, opportunamente configurato, bloccava il codice sospetto, ma in questo modo impediva la visione del contatore di visite. Dopo vari controlli e ricerche in rete ho accertato senza ombra di dubbio che la causa di tutto era proprio il contatore. Perciò l’ho cambiato con quello che potete vedere a destra, che finora non ha dato segni di pericolosità. Tengo a precisare che se il visitatore non ha maldestramente cliccato su quelle strane finestre, può stare tranquillo, il suo pc non ha subito danni.
Ci sono sul web decine e decine di servizi gratuiti o pseudo gratuiti che permettono di rendere più accattivanti i nostri blog con contatori di visite, statistiche, letture dei giornali, perfino servizi meteo. Tuttavia spesso questi servizi nascondono insidie. E dopo quanto è successo ho imparato che occorre fare molta attenzione a chi sventola la bandiera del “servizio gratuito”. Spesso dietro a tanta generosità si nasconde una pubblicità che occultamente infetta i nostri computer con dialer, popup e active-x, potenzialmente molto pericolosi per i visitatori.
Ai quali chiedo scusa per il disagio arrecato.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Signor Girovago,
anche se lei non lo sapeva, anche io conoscevo il suo blog da tempo! Ma mi sono fatta degli scrupoli a lasciare commenti perché non sono all'altezza di commentare l'argomento. E questa volta non lo dico con quella provocazione che potrebbe sembrare quasi un vanto. So che impegnandomi potrei capire e trarre un enorme beneficio per il mio blog e non solo; ma qui entrano in ballo quel rifiuto alla matematica e le sue conseguenze, cioé un'innegabile pigrizia mentale. Potrei migliorare o dovrò accettare di limitarmi a commentare i post sul tenente Colombo?!
Michela

girovago ha detto...

...So che impegnandomi potrei capire e trarre un enorme beneficio per il mio blog e non solo...

Condivido le Sue affermazioni, uno fa la patente per imparare a guidare, non certo per diventare meccanico o carrozziere. Bisogna essere tarati mentalmente come me per perdere ore di tempo con una macchina stupida come il computer che ha il solo vantaggio di essere veloce.


...ma qui entrano in ballo quel rifiuto alla matematica...

Mi permetta, ma la matematica non c'entra. Conosco molti smanettoni/e laureati/e in lettere o diplomati/e in musica.
Le auguro una buona serata.

Anonimo ha detto...

No, no, c'entra eccome! Si tratta di un esercizio mentale a cui non sono abituata: preferisco chiedere aiuto a un altro piuttosto che capire come si deve fare. Non leggo mai le istruzioni per l'uso ma vado a naso. E ovviamente sbaglio. Non so come funziona una televisione o una macchina fotografica. Per me la tecnologia non è un miracolo solo per la consapevolezza che qualcuno è al corrente che esiste una spiegazione. Preciso che non me vanto di certo. E questo riufiuto dell'esercizio mentale, del calcolo, mi ha impedito anche di proseguire lo studio della musica. Cosa di cui mi rammarico profondamente. Ma spero ci sia un tempo per recuperare...
Buona serata anche a lei!
Michela

Il suo blog rimane comunque molto interessante e vorrei poterlo linkare se permette.

girovago ha detto...

Ma certo, la sua presenza sarà sempre ben accetta.
Arrivederci.

WhatsApp verso pagamenti, spunta in rete funzione Payments

WhatsApp sempre più vicina ai pagamenti elettronici. In una nuova versione beta (quindi in fase sperimentale) dell'applicazione per A...